Close

Pericolo FORASACCHI

Nel periodo che va da aprile ad ottobre i nostri amici cani devono fronteggiare un nemico insidioso, il famigerato forasacco.

I forasacchi sono una delle parti della spiga e fin quando sono verdi non rappresentano un pericolo, ma nel momento in cui seccano si trasformano, in piccoli aghi molto appuntiti (mostro una spiga) che possono penetrare in profondità nei tessuti e causare seri danni alla salute dei nostri cani. 

Una volta che il forasacco si è attaccato al pelo dell’animale, infatti, aiutato dai movimenti di quest’ultimo, può avanzare e conficcarsi nella cute perforandola e proseguendo il suo percorso nelle strutture interne finendo per causare infezioni che possono essere anche molto gravi e che si manifestano con sintomi diversi a seconda del punto nel quale il forasacco è penetrato.

Corrono maggiori rischi i cani che vivono in zone di campagna, in particolar modo quelli dotati di pelo fitto e lungo, ma tutti i nostri amici a quattro zampe possono essere interessati dal problema.

Zampe – Molto spesso i forasacchi penetrano negli spazi interdigitali e nei cuscinetti plantari; quando ciò si verifica il cane ha la tendenza a zoppicare piuttosto vistosamente e, in certi casi, non è neppure in grado di appoggiare l’arto ferito.

Orecchie – Se il forasacco penetra in un orecchio, il cane cammina con la testa abbassata e girata dalla parte interessata e tenta di liberarsi del corpo estraneo scuotendo ripetutamente il capo e grattandosi. Oltre al pericolo di infezioni c’è il rischio che il forasacco, avanzando lungo il suo percorso, causi la perforazione del timpano con conseguenze inevitabili sulla sua capacità uditiva.

Naso – Qualora un forasacco penetri nel naso di norma il cane inizia a starnutire violentemente e ripetutamente in alcuni casi è possibile anche che si verifichi perdita di sangue. Se gli starnuti non sono in grado di far fuoriuscire il forasacco c’è la concreta possibilità che questo venga ingoiato.

Occhi – Gli occhi sono zone molto delicate; se i forasacchi vi penetrano causano gonfiore e una forte lacrimazione; di norma il cane ha la tendenza a chiudere l’occhio colpito. Oltre al pericolo di infezione, esiste anche la possibilità di perforazione della cornea, un evento che potrebbe determinare la perdita della vista o comunque un’importante diminuzione del visus.

Gola – Se il forasacco penetra in gola il segno principale è rappresentato da una violenta tosse che, in alcuni casi, può associarsi a espettorazione di sangue. Il rischio maggiore, è rappresentato dall’insorgenza di broncopolmonite.

Se quindi si sospetta che il nostro cane abbia subito la penetrazione di uno o più forasacchi è necessario contattare al più presto il nostro veterinario di fiducia che provvederà a esaminare l’animale e procederà con l’estrazione del corpo estraneo. In molti casi è necessario eseguire le manovre effettuando prima un’anestesia generale.

Per ridurre al minimo la possibilità che il nostro amico a quattro zampe entri a contatto con un forasacco è opportuno evitare, per quanto possibile, di condurre il nostro amico tra l’erba alta o comunque in zone dove l’erba è stata tagliata e lasciata a seccare al sole. 

Dopo il ritorno da una passeggiata è opportuno ispezionare con attenzione il pelo del nostro amico facendo particolare attenzione ai punti critici citati.

Durante il periodo a rischio è opportuno spazzolare il cane più del solito e comunque sempre dopo ogni passeggiata.

Teniamo sempre il cane pulito e toelettato per individuare facilmente i corpi estranei, in modo da estrarli prima che diventino pericolosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONTATTACI

quellidinessuno@gmail.com